Archivio News

Uso United


GIORNALE DI BRESCIA - GIOVEDI 07 LUGLIO 2016


Da quattro anni frutto dell'unione fra Bovezzo, Prealpino e Stocchetta, è una società integrata fra FIGC e CSI.

C'è una società nella Bassa Val Trompia che da quattro anni a questa parte ha dato vita a un progetto di integrazione a più livelli, che può divenire un modello imitabile da tante altre realtà.

Si chiama Uso United è già nel nome sussume quel principio di unitarietà che a Bovezzo ha visto confluire sotto un solo vessillo societario l'Unione Sportiva oratorio Bovezzo, l'Uso Prealpino Santa Giulia e l'Oratorio della Stocchetta.

Il progetto

Un'unione di comuni intenti che gravitano tutti intorno al gioco del calcio e allo stesso tempo un'integrazione tra la realtà della FIGC e del CSI, come ci spiega il presidente Marino Prandi:

"L'idea di creare A Bovezzo un unico polo calcistico è nata dalla volontà di dare forma a una solida realtà attraverso cui diffondere una pratica calcistica di qualità.

Volevamo creare una forte identità societaria e allo stesso tempo riunire anche le esperienze di chi giocava in Federazione e chi era affiliato al CSI: in questo senso è nato il progetto Calcio Insieme grazie alla proficua collaborazione con l'US Calcio Bovezzo e l'amministrazione comunale Bovezzese, con l'uso United che da due anni a questa parte ha in carico la gestione di tutto settore giovanile .

Il futuro

Una società che proprio sui giovani sta costruendo il proprio futuro, nella speranza che questo modello possa essere replicato anche da altre realtà bresciane.

"Ad oggi - prosegue il presidente Prandi - disponiamo di 12 squadre che vanno dagli Under 8 agli Under 11 e, avendo un notevole bacino di ragazzi classe 2002, abbiamo dato vita anche aD una Under 14.

E proprio da questa categoria sono arrivate quest'anno le gioie più grandi: infatti, dopo la vittoria del titolo provinciale, siamo giunti alla finale regionali (sconfitti solo dalla Traccia Milano), e alle finali nazionali disputate la scorsa settimana a Montecatini Terme abbiamo colto il terzo posto, battendo una squadra di Napoli.

Inoltre, abbiamo anche una squadra di 'grandi' (ossia quei ragazzini che già una decina d'anni fa seguivo direttamente all'interno della realtà bovezzese) che quest'anno ha disputato il campionato Elite, piazzandosi al quarto posto nelle finali provinciali".

La scuola

Risultati che premiano il lavoro di chi ha saputo unire le forze, mettendo da parte campanilismi e riuscendo a creare una vera e propria scuola, che coniuga gli aspetti della qualità e dell'insegnamento del gioco del calcio agli aspetti educativi alla base di ogni sport di squadra e profondamente radicati nel tessuto dell'oratorio della scuola CSI.

"In particolare - aggiunge Marino Prandi - sono stati proprio i recenti nazionali disputate dagli Under 14 a far emergere lo spirito nostro progetto, come appena ricordato il preparatore dei portieri, Armido Giacomazzi, sottolineando come i ragazzi abbiano portato sul campo caparbietà, unità, e la condivisione sia della vittoria sia della sconfitta".

Insomma, un progetto di calcio tutto tondo che fa coabitare l'associazionismo CSI e la partecipazione federativa.

"Come FIGC - chiosa Prandi - abbiamo un settore giovanile che va dagli Esordienti sino agli Juniores provincial, i quali costituiscono poi il bacino per gli Juniores regionali dell'US Bovezzo e per la stessa prima squadra, che quest'anno è stata promossa in Prima Categoria.

E da pochi giorni è anche ufficiale la notizia dell'affidamento a Gigi Nember dell'incarico di direttore tecnico dell'intero settore giovanile Uso United, oltre alla conduzione della squadra Giovanissimi.

L'ultimo prezioso tassello in ordine di tempo per una società che vogliamo far crescere sempre più".

Clicca qui per l'articolo originale

 

Uso United - MIchele Troiano

Uso United - Michele Troiano

Uso United - Michele Troiano

Uso United - Michele Troiano

Uso United - Torna Su